Kirikù, un eroe piccolo piccolo

Dall’Africa a Roma, una storia che parla di fratellanza tra i popoli e del potere di un singolo bambino di contribuire alla vittoria del bene sul male


La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello/Associazione Nomen Omen 
KIRIKÙ un eroe piccolo piccolo

Adattamento teatrale e regia di Danilo Zuliani

Aiuto regia: Alessandra Maccotta

Con Alessandra Maccotta, Aron Tewelde, Valeria Wandja, Jesus Issa Seck, Yonas Aregay Kidane, Francesca Piersante

Musica dal vivo: Gbai Ange Patrick

Creatore marionetta: William Ercolano Monteiro 

Coreografie: Rossana Longo

Scenografie e costumi: Anthony Rosa

Audio e luci: Stefano Germani

Foto di scena: Stefano Manocchio

Illustrazione: Alessandra Cavallari

fascia d’età consigliata per tutti – pubblico delle famiglie

Un villaggio africano è dominato dalla perfida strega Karabà che si appropria di uomini, ricchezze e risorse indispensabili come l’acqua. Tutti nutrono nei suoi confronti timore e sottomissione. Un giorno viene al mondo Kirikù, che nonostante le fattezze di bambino ha già chiara la propria missione: liberare il villaggio dalla schiavitù. Per compiere questa impresa, dovrà scontrarsi con i pregiudizi e l’individualismo degli adulti, affrontare pericolosi animali e vincere con astuzia gli ostacoli che gli si presentano. Grazie al percorso che renderà Kirikù un uomo, anche Karabà subirà una trasformazione: il giovane infatti la libererà dalla spina velenosa che la rendeva malvagia e l’amore trionferà sul male. Dall’Africa a Roma, un racconto che arriva dritto al cuore auspicando la fratellanza tra i popoli e un senso di giustizia che vada oltre il colore della pelle. Una storia narrata dal protagonista (in versione umana e marionetta) ai piccoli spettatori attraverso teatro d’attore e di figura e accompagnata da musica dal vivo.

Discover

X